"Gioco di Whack-a-Mole": le autorità del NC affrontano nuove sfide nel tentativo di porre fine allo svapo giovanile

Questo articolo è originariamente apparso su AOL. Per visualizzare l'articolo originale, clicca qui

Subito dopo mezzogiorno di lunedì, il portatile del preside della John Motley Morehead High School Jason Tuggle suona con la notifica di una nuova email. Il telefono del vicepreside Landon Kimrey vibra contemporaneamente.

"Evento Vape rilevato", si legge nella riga dell'oggetto. È scattato un rilevatore nel bagno dei ragazzi.

Tuggle controlla l'ora sull'e-mail e si dirige verso un monitor TV nel suo ufficio per controllare le telecamere del corridoio. Pochi minuti prima che venisse inviato l'avviso di vaporizzazione, la registrazione mostra sei ragazzi che entrano in bagno. I rozzi cartelli “NO VAPING” – realizzati con pezzi laminati di carta per stampante – sono attaccati su entrambi i lati della porta. Dopo un po', i ragazzi escono dal bagno uno dopo l'altro.

Tuggle e Kimrey li riconoscono come i segnali tipici di una sessione di svapo di gruppo. Più tardi, chiameranno i ragazzi nel loro ufficio per parlare con loro dell'incidente. Se trovano una sigaretta elettronica, verrà confiscata e gli studenti potrebbero essere sospesi. Da qualche parte nascosta nell'ufficio dell'amministratore c'è una scatola piena di vaporizzatori confiscati.

Kimrey stima di ricevere circa 10 notifiche di “avviso di svapo” in una giornata tipo nella scuola di 800 studenti di Eden, una piccola città a 40 miglia a nord di Greensboro, vicino al confine con la Virginia. Dopo che diversi anni fa le scuole della contea di Rockingham hanno ricevuto una sovvenzione per installare rilevatori di vapori in tutte le loro scuole superiori e medie, Morehead è stata scelta per pilotare il programma.

Il Sensore intelligente HALO I dispositivi che la scuola ha in quasi tutti i bagni rilevano i cambiamenti nell'atmosfera per identificare i vapori delle sigarette elettroniche, del THC e persino degli agenti mascheranti come profumi o spray per il corpo. Tuggle ha affermato che i rilevatori sono stati uno strumento utile per affrontare i casi di svapo durante la scuola, anche se alcuni studenti rimangono imperterriti.

"Pensiamo che [l'uso delle sigarette elettroniche tra gli studenti] sia rimasto costante", ha detto Tuggle. “E, sai, il mercato è aumentato. La loro dimensione è diventata più piccola. Il loro potere è diventato più forte”.

Il bagno degli uomini della Morehead High School, raffigurato il 15 aprile 2024, è uno dei numerosi bagni per studenti della scuola Eden dotati di rilevatori di vapori.
 
Il bagno degli uomini della Morehead High School, raffigurato il 15 aprile 2024, è uno dei numerosi bagni per studenti della scuola Eden dotati di rilevatori di vapori.

I rilevatori di svapo sono un esempio di come le scuole stanno tentando di affrontare l’epidemia di svapo giovanile. Tuttavia, ricercatori e funzionari pubblici hanno faticato a tenere il passo con un mercato globale dello svapo che si adatta costantemente alle nuove tendenze e tecnologie.

Ilona Jaspers, professoressa alla Gillings School of Public Health dell'UNC, ha condotto ricerche significative sui popolari aromi per sigarette elettroniche. Ha paragonato lo sforzo di frenare lo svapo giovanile a un “gioco di Whack-a-Mole”.

"Siamo sempre alla ricerca di qualcosa che, nel momento in cui lo installiamo effettivamente nel nostro laboratorio e realizziamo progetti sperimentali controllati, facciamo ricerche per comprendere la causalità, il dosaggio, la tossicità, tutte queste cose, o è fuori mercato perché è stato ottenuto chiudere o qualcos’altro è un oggetto più brillante e ha davvero preso d’assalto il mercato”, ha detto Jaspers.

La preoccupazione più recente per gli enti regolatori è l’aumento della popolarità delle sigarette elettroniche usa e getta, dispositivi pieni di nicotina progettati per essere gettati via dopo un breve periodo di utilizzo. I marchi usa e getta popolari come Elf Bar sono economici e ampiamente disponibili nei minimarket e nei negozi di vaporizzatori nonostante sia illegale venderli negli Stati Uniti, rendendoli tra i preferiti tra i giovani.

Una studentessa di 19 anni dell'Appalachian State University, che ha chiesto di rimanere anonima, ha detto di aver usato i vaporizzatori a intermittenza da quando ha provato per la prima volta le sigarette elettroniche al secondo anno delle superiori. Ha definito l'abitudine "imbarazzante" e "disgustosa", ma ha ammesso che probabilmente non avrebbe smesso tanto presto, in parte a causa dell'accessibilità dei vaporizzatori nei campus universitari.

Al momento, il suo marchio preferito è Lost Mary, un popolare vaporizzatore usa e getta prodotto a Shenzhen, in Cina.

L'età legale per acquistare prodotti del tabacco, comprese le sigarette elettroniche, secondo la legge federale è 21 anni, ma lo studente ha detto che "tutti sanno" quali negozi a Boone non controllano i documenti d'identità. A volte condivide i dispositivi con i suoi amici minorenni.

"Troverai sempre qualcuno che ha qualcosa", ha detto. "Non è difficile."

Come siamo arrivati ​​qui?

I sistemi elettronici di somministrazione di nicotina, più comunemente noti come vaporizzatori o sigarette elettroniche, sono stati introdotti per la prima volta nel mercato statunitense nel 2007 come alternativa più sicura per i fumatori di sigarette adulti. Tuttavia, l’uso giovanile delle sigarette elettroniche è esploso a metà degli anni 2010 quando marchi come JUUL hanno introdotto cartucce di liquidi aromatizzati e hanno utilizzato tattiche di influencer marketing che attiravano i giovani.

Di fronte alle pressioni del governo federale, degli accademici e degli attivisti, JUUL ha interrotto la produzione di alcuni gusti di cialde come frutta, cetriolo, crema e mango nel 2019.

Dopo aver perso diverse cause legali di alto profilo, inclusa quella intentata dal procuratore generale della Carolina del Nord Josh Stein che si stabilì per 40 milioni di dollari, l'impero dello svapo di JUUL, un tempo potente, si è ridotto a una relativa oscurità.

Al suo posto, i prodotti usa e getta hanno invaso il mercato e sono diventati la sigaretta elettronica preferita dagli utenti in età scolare. Secondo l'ultima National Youth Tobacco Survey, più di 2.1 milioni di studenti delle scuole medie e superiori utilizzano attualmente la sigaretta elettronica. Di questi studenti, quasi il 57% ha riferito di utilizzare i vaporizzatori Elf Bar.

Questi prodotti piacciono ai giovani perché sono disponibili in decine di gusti con nomi come Blue Razz Ice e Malibu. Sono confezionati in colori vivaci, sono facilmente occultabili e garantiscono 5,000 boccate per dispositivo, l'equivalente di circa 20 pacchetti di sigarette in termini di erogazione di nicotina.

Le misure repressive della FDA minacciano i prodotti usa e getta

A dicembre, la Food and Drug Administration e la US Customs and Border Protection sequestrato 41 spedizioni contenente circa 1.4 milioni di sigarette elettroniche illegali, inclusa la Elf Bar, tutte originarie della Cina. Il valore al dettaglio stimato delle sigarette elettroniche sequestrate ammontava a oltre 18 milioni di dollari.

Secondo la Food and Drug Administration, i produttori di questi dispositivi li introducono clandestinamente negli Stati Uniti dichiarandoli erroneamente come giocattoli o scarpe.

"Coloro che tentano spudoratamente di contrabbandare sigarette elettroniche illegali, in particolare quelle che piacciono ai giovani, in questo paese dovrebbero prestare attenzione all'annuncio di oggi", ha detto Brian King, direttore del Centro per i prodotti del tabacco della FDA, in un comunicato stampa successivo all'operazione. “Le agenzie federali stanno facendo le loro buffonate e non esiteranno ad agire”.

Non esiste un divieto esplicito sui dispositivi di svapo usa e getta o sulle sigarette elettroniche aromatizzate, ma finora nessuna sigaretta elettronica al gusto di frutta o menta è stata autorizzata dalla FDA. Questo perché, secondo la richiesta pre-commercializzazione dei prodotti del tabacco della FDA, i venditori di sigarette elettroniche devono dimostrare che commercializzare i loro prodotti sarebbe “appropriato per la protezione della salute pubblica” prima che possano essere approvati.

L'agenzia ha intensificato i suoi sforzi per penalizzare i rivenditori che vendono sigarette elettroniche illegali, emettendo almeno 80 lettere di avvertimento ai negozi fisici in tutto il paese per la vendita di prodotti non autorizzati, tra cui Elf Bar, da febbraio. I rivenditori che risultano ancora inadempienti dopo aver ricevuto una lettera di avvertimento possono essere soggetti a una sanzione pecuniaria civile fino a $ 20,000.

L'anno scorso, la FDA ha multato sei rivenditori della Carolina del Nord per 19,192 dollari ciascuno per aver venduto prodotti Elf Bar. Tuttavia, questa è solo una piccola parte del numero totale di rivenditori della Carolina del Nord che vendono sigarette elettroniche non autorizzate.

Ad esempio, ci sono almeno sei rivenditori nel centro di Chapel Hill – una città universitaria di 60,000 persone – che attualmente vendono Elf Bar e altre sigarette elettroniche usa e getta non autorizzate.

Sigarette elettroniche usa e getta allineate sugli scaffali di un minimarket di Chapel Hill il 25 aprile 2024.
 
Sigarette elettroniche usa e getta allineate sugli scaffali di un minimarket di Chapel Hill il 25 aprile 2024.

Nel tentativo di frenare la vendita di questi prodotti, alcuni stati hanno preso in mano la regolamentazione e l’applicazione. L'anno scorso, la Louisiana ha approvato una legge che vieta la vendita di sigarette elettroniche che non sono presenti nell'elenco regolamentato dalla FDA dei vapori o di prodotti alternativi alla nicotina. Le aziende che non aderiscono alla legge sono soggette a multe e sanzioni da parte dell'Ufficio per il controllo dell'alcol e del tabacco della Louisiana.

La Carolina del Nord non ha una legge simile contro la vendita di sigarette elettroniche illegali. E la deputata statale Maria Cervania, democratica della contea di Wake, ha detto che il parlamento non sembra interessato a farne una priorità. Cervania ha co-sponsorizzato il Legge FINE Gioventù, un disegno di legge bipartisan che istituirebbe un fondo per “prevenire l’uso di prodotti del tabacco nuovi ed emergenti, comprese le sigarette elettroniche, soprattutto tra i giovani e le persone in età fertile”.

Il disegno di legge, depositato contemporaneamente in entrambe le Camere, è passato in prima lettura alla Camera e al Senato, ma non è mai uscito dalla commissione. Non è chiaro se questo, o qualsiasi altra fattura relativa allo svapo, verrà recuperata nel prossimo futuro.

"Non c'è alcuna legislazione e infatti penso che se qualcuno proporrà qualcosa, probabilmente sarò io", ha detto Cervania.

Mentre lo Stato, almeno per il momento, sta chiudendo un occhio sui rivenditori che vendono sigarette elettroniche illegali, ha utilizzato i soldi della transazione JUUL per finanziare campagne mediatiche e programmi di disassuefazione rivolti ai giovani.

Secondo l’ultimo accordo JUUL, il Dipartimento della salute e dei servizi umani del NC ha speso 730,000 dollari negli anni fiscali 2022 e 2023 per questi sforzi. stato di avanzamento presentato a una commissione di controllo legislativo a febbraio.

La Divisione di sanità pubblica dell'NCDHHS sta anche collaborando con le scuole di tutto lo stato per offrire istruzione sulla prevenzione e la cessazione dello svapo come alternativa alla sospensione, ha affermato in una e-mail la portavoce dell'NCDHHS Hannah Jones.

"L'Agenzia di Soccorso ha un programma per smettere di svapare che assegna i giovani - di età compresa tra 13 e 17 anni - a gruppi Instagram dove lavorano per cinque settimane con un facilitatore adulto", si legge nell'e-mail di Jones. "I membri del gruppo si aiutano anche a vicenda nei loro sforzi per smettere di svapare."

Quali sono i rischi per la salute delle sigarette elettroniche?

Anche se le sigarette elettroniche potrebbero non avere gli stessi agenti cancerogeni dei prodotti del tabacco combustibili, un numero crescente di ricerche mostra che un uso intensivo può causare una diminuzione della funzionalità polmonare, mancanza di respiro e altri sintomi asmatici in giovani altrimenti sani.

"È questa diversa manifestazione di ragazzi che non hanno mai fumato una sigaretta - hanno iniziato con le sigarette elettroniche - [e] ora stanno arrivando con qualcosa che è potenzialmente unico per le sigarette elettroniche e che non avremmo mai visto nelle sigarette," Jaspers disse.

Jaspers ha affermato che parte della difficoltà nel determinare i rischi delle sigarette elettroniche è che gli ingredienti presenti nei vaporizzatori cambiano continuamente.

Nel 2019, i ricercatori hanno stabilito che la vitamina E acetato, che si trovava in alcuni prodotti per lo svapo, era associata a evali, una grave condizione polmonare che potrebbe portare al ricovero in ospedale o alla morte. Il passato di Jaspers riparazioni hanno anche scoperto che vaporizzare la cinnamaldeide – un agente aromatizzante utilizzato nei vaporizzatori al gusto di cannella – provoca danni alle cellule polmonari. Attualmente sta esaminando gli effetti dei refrigeranti sintetici utilizzati nelle sigarette elettroniche al gusto “ghiaccio”, sebbene la ricerca sia ancora in corso.

Poiché le sigarette elettroniche sono un fenomeno relativamente nuovo, non è ancora chiaro quali potrebbero essere gli effetti a lungo termine dello svapo sulla salute.

La studentessa dello Stato degli Appalachi ha detto che a volte avverte mancanza di respiro, nausea e tremori dopo aver svapato. Tuttavia, gli effetti collaterali che ha riscontrato non sono stati abbastanza gravi da dissuaderla dallo svapare.

"L'unica cosa che mi convincerebbe [a smettere] è se qualcuno vicino a me avesse una brutta esperienza", ha detto. “Perché sui social media vediamo continuamente cose sui polmoni dei popcorn, sul collasso (imprecazione) delle persone, sulle malattie. E non sono io. Non mi è ancora successo.”

A meno che non si verifichi questo tipo di grave evento sanitario, ha detto che continuerà a frequentare il negozio di vaporizzatori vicino a lei che non controlla gli ID.

Hub multimediale dell'UNC è un gruppo di studenti provenienti da varie concentrazioni della Hussman School of Journalism and Media che lavorano insieme per creare pacchetti multimediali integrati che coprono storie dalla Carolina del Nord e oltre.