Qual è la differenza tra i tre tipi di PM?

Il particolato, o PM, è un mix di particelle e goccioline nell'aria. Il PM varia in forma e dimensione, ma quelli di 10 micrometri di densità o inferiori possono influire negativamente sulla salute perché possono essere inalati. PM 2.5 si riferisce al particolato fine, con una densità di due micron e mezzo o meno.

Un'esposizione sufficiente al PM può irritare gli occhi, il naso, la gola e i polmoni, causando sintomi di tipo allergico e mancanza di respiro in persone altrimenti sane. Può anche esacerbare problemi medici esistenti, come l'asma e le malattie cardiache. Il PM 2.5 è considerato il più grande rischio per la salute ambientale al mondo.

I livelli di PM interni possono essere influenzati da fonti esterne come i gas di scarico dei veicoli, gli incendi e le emissioni delle centrali elettriche. Ma anche molte attività indoor producono PM: cucinare, accendere caminetti e fumare sono solo alcune delle fonti comuni.